Credere nell'home staging, Fare home staging, Neuromarketing

Marketing olfattivo e Home Staging

Marketing olfattivo e home staging

Marketing olfattivo e home staging: è qualcosa a cui credo da tempo, a prescindere dal mio lavoro di home stager. Che cos’è il marketing olfattivo? La risposta è piuttosto semplice: è il marketing del profumo o, meglio, quello che si basa sul profumo per poter attrarre clientela.

Il profumo come mezzo per vendere?

Già, il profumo come mezzo per vendere, collegato al neuromarketing, dato che il cervello recepisce dei “dati” attraverso l’olfatto, uno dei nostri preziosi cinque sensi. Sembra strano, vero? Invece no. Che cosa succede quando entrate in una profumeria? Un misto di odori vi avvolge e vi tenterà a comprare qualche prodotto o, meglio, desiderate possedere un profumo oppure un semplice prodotto di cosmesi. Il profumo, nella profumeria, crea un’atmosfera di eleganza coinvolgente.

Altri esempi

Altro esempio: provate a entrare all’Ikea. Quel mix di odore di legno e di aromi vari un po’ dolci (di cui ancora non capisco la provenienza, a essere sinceri) non vi trasmette un calore familiare? A me mette voglia di piantare una tenda e vivere dentro l’Ikea(nel caso non mi concedessero di usufruire degli spazi allestiti a mo’ di stanze 🙂 ). Quell’odore speciale si sente solo da Ikea!

Un esempio più “terra terra” è il panificio con pane e dolci appena sfornati: non vi viene voglia di comprare del pane fresco o dei biscotti oppure delle brioches? Il profumo è talmente forte da far venire voglia di cedere ai peccati di gola.

Cosa c’entra l’home staging con il marketing olfattivo? C’entra, eccome, perché una profumazione può aiutare nella percezione di quelle emozioni piacevoli che i visitatori provano quando entrano in una casa preparata con l’home staging. Il neuromarketing non agisce solo sugli stimoli visivi, ma anche su quelli olfattivi.

In che modo home staging e marketing olfattivo sono legati?

Attraverso delle profumazioni che devono essere gradevoli ma neutre e mai forti. Si possono utilizzare diffusori con midollini(bastoncini in legno), diffusori di profumi elettrici (di quelli che diffondono fumo profumato; molti sono ottimi anche come complementi decorativi, quindi adatti a un allestimento) o spray, da spruzzare un po’ prima delle visite nelle case. Anche delle bocce o vasi con del pot pourri profumato possono dare una lieve profumazione agli ambienti. Una casa che ha un profumo piacevole ha più possibilità di essere apprezzata da un potenziale acquirente o affittuario.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.