Che cos'è l'home staging, Credere nell'home staging, Fare home staging

Il verde nell’home staging: valorizzare con le piante

Il verde nell’home staging: valorizzare con le piante. Per verde non si intende il colore delle pareti o dei mobili oppure di qualsiasi complemento d’arredo, ma si parla piante. Pare scontato? Invece no. Infatti, con il termine “verde” si indica una parte fondamentale del mondo dell’abitare e non solo, dato che le piante rivestono un’importanza incredibile, non solo perché apportano ossigeno e benessere, ma anche perché aggiungono un tocco speciale e rigenerante alla casa, oltre che all’outdoor.

Il verde nell’home staging: valorizzare con le piante e il senso di relax

L’occhio umano, infatti, percepisce la presenza di piante come qualcosa di rilassante, ma anche di rassicurante, indice di un’atmosfera dolce e calorosa, accogliente e materna. Il richiamo con il nostro inconscio e, quindi, con Madre Natura, favorisce maggiore trasporto verso un luogo che presenta del verde. E quale cosa più utile di questa ai fini del marketing? Del resto, l’home staging è marketing.

Piante vere o finte per l’home staging?

Si consiglia di utilizzare piante vere, specie nelle case abitate o nelle quali il proprietario va spesso, per tenere pulito o controllare che tutto sia in ordine. In questo caso, è facile nutrire le eventuali piante presenti. Meno cura richiedono le piante grasse, come ben tutti sanno. Se non si ha il pollice verde o, semplicemente, non ci si può dedicare alle piante, ve ne sono di finte e di tanti tipi, sempre più simili a quelle reali. Queste piante sono molto comode per chi fa home staging, in quanto non deve prendersene cura. Di conseguenza, non deve perdere tempo nel doverle innaffiare o comunque starci dietro. Le piante vere sono una presenza “vitale” in una casa e sono davvero capaci di trasmetterci la loro “vitalità” e il benessere che possiamo trarne. Quelle finte, però, ci ripagano del tanto tempo che si rischia di perdere con quelle vere.

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.